News

Uzbekistan Natura


Li mondo naturale dell'Uzbekistan è molto vario. Questo è composto delle zone desertiche e montagne innevate, fiumi e terre completamente asciutte. La maggior parte del suo territorio si trova nella pianura Turon, dove non ci sono improvvisi ripide-gocce e le colline. La piastra di Turon e terraferma, che divenne in seguito Tian Shan e Pamir -Alai Monti, si sono formati nel periodo Paleolitico. Successivamente, il mare copriva il piatto per lungo tempo. Le catene montuose come si pensa siano pienamente sviluppate durante l'orogenesi alpina. Le catene montuose hanno bloccato l'umidità dall'Oceano Indiano. Essa ha causato un notevole cambiamento climatico: il tempo è diventato secco e vaste aree desertiche hanno apparso. Come i fiumi e venti cambiavano loro direzioni, lo strato superiore del suolo è stato continuamente spostato da un luogo all'altro. Essa ha portato alla formazione dei deserti Kyzyl Kum e Kara Kum.

 Montagne e colline costituiscono circa un quinto del territorio dell'Uzbekistan. Il punto più alto è 4.643 metri. Monti coprono l'est del paese. Uzbekistan rispettivamente abbraccia parti occidentali delle catene montuose di Tian Shan e Pamir-Alai. Le catene montuose sono molto diverse: c'è un forte contrasto di altezze, colline, canyon, e bacini idrici.

Ci sono anche piccole montagne come Aktau, Karakchitau e la parte occidentale della catena montuosa Zarafshon con la loro forma liscia. Piuttosto grandi depressioni si estendono tra le montagne: Kashkadarya, Surkhandarya, Zarafshon, e Samarcanda. Il più grande depressione è la Valle di Ferghana - 370 km di lunghezza e 190 km di larghezza. È circondata da montagne su tre lati tranne sulla faccia occidentale. C'è la grande depressione Amudarya al confine con Afghanistan.

Minerali.

 

Numerosi giacimenti di petrolio e gas sono stati scoperti in pianura, come Gazli, Shakhpakhti, ed altri, sale naturale formata in Borsakelmas, ed i materiali utilizzati nella costruzione altrove.
I depositi di carbone (Angren, Shargun, e Boysun), preziosi, non ferrosi e rari, fluorite, e materiali da costruzione risalgono alla prima fase di orogenesi.
Una caratteristica distintiva di condizioni naturali di Uzbekistan è che il paese si trova in una zona sismologica. Negli ultimi due secoli il paese ha vissuto con i numerosi terremoti disastrosi, anche a Ferghana (1823), ad Andijan (1889 e 1902), e Tashkent (1866, 1868 e 1966). Movimento sismologico è più attivo nelle zone di montagna che in pianura. Modelli di costruzione speciali sono stati usati in edifici nelle zone sismiche attive.
Flora
Flora dell'Uzbekistan è composto da più di 3.700 specie di piante. Il 20% delle piante sono endemiche (non si può trovare agli altri luoghi); maggior parte di quelle piante crescono in montagna. Flora di steppe e deserti è costituita da cespugli unici. Le piante legnose, cespugliose ed erbacee sono ben sviluppate in basse pianure.
Paesaggio di pianura sotto montagna è caratterizzata da erba, non ci sono alberi e cespugli si può trovare lungo i corsi d'acqua. Varie specie di cipolla, tulipani, rabarbaro, iris crescono qui. Alte colline dispongono steppe secche con erba eterogeneo sulla terra grigia. Cespugli come il mandorlo, ciliegia di boschetto crescono su siti di pietra.
Le specie legnose più pregiate – Archa (pino) di Zerafshan cresce nelle montagne più basse. Specie decidue come l'acero, biancospino, vari tipi di mele selvatiche, albero di pistacchio, noce, betulla, salice, pioppo, ciliegio sono anche diffusi. Le montagne più basse sono ricche di cespugli: caprifoglio, crespino, rosa canina, prato dolce, cespugli di uva selvatica. Erbe sono anche molto diverse: salvia di moscato, rabarbaro, tulipano, cipolla di Pskem (preziosa erba). Le montagne centrali sono dotate di canina di rosa e gli altri arbusti. Solo il 30% di alte montagne sono coperte di piante. Il tipchak cresce sopratutto qui.
Fauna
Come la flora, la fauna dell'Uzbekistan è anche molto diversa. Si possono trovare molti rappresentanti della fauna asiatica. Tra questi ci sono: i mammiferi (lupo, riccio con grandi orecchi, volpe, lepre - toloy, tartaruga, djeyran, saygak, cinghiale, caprone corno a spirale, pecora di montagna, il tasso, la faina, l'orso, il leopardo delle nevi, l'ermellino, caprone di montagna siberiana, ratto debolmente dentato, sciacallo, cervo di Bukhara, citello notturno palludoso, suricati), rettili (heccons, agama, boa di sabbia, serpente freccia, cobra centrale asiatica, quadristripe slitta corridore di Alay, uccelli (bella otarda, succiacapre grigio, ghiandaia, averla, fringuello di montagna, pavese, lenticchie, grande tortora, griffon nero, gipeto, l'avvoltoio barbuto, jackdow, fagiano, cuculo, ballerina gialla, gazza, cornacchia nera, usignolo del sud, tomtit con baffi, canna pavese), insetti, ecc.
 
La temperatura e umidita` mensile
 
Mese
Temp "C"
Umidità
Max
Min
am
pm
Gennaio
3
-6
82
63
Febbraio
7
-3
78
58
Marzo
12
3
77
55
Aprile
18
8
72
52
Maggio
26
13
66
42
Giugno
31
17
59
34
Luglio
33
18
63
33
Agosto
32
16
61
32
Septemer
27
11
      66
34
Ottobre
18
5
76
      43
Novembre
12
2
79
55
Dicembre
7
-2
79
62

 

Le risorse idriche di Uzbekistan - mare, fiumi, laghi

Il lago d'Aral



In precedenza uno dei quattro più grandi laghi del mondo, con superficie di 68.000 chilometri quadrati (26.300 mq mi), il lago d'Aral è in costante contrazione dal 1960, dopo i fiumi che alimentavano fosse deviato da progetti di irrigazione di Unione Sovietica. Nel 2007 era scesa al 10% della sua dimensione originale, dividendosi in quattro laghi - l'Aral Mare del Nord e i bacini dell’est ed ovest del tempo era molto più grande del Sud del Mare di Aral e un piccolo lago tra nord e sud del Mare di Aral. Entro il 2009, il lago a sud-est era scomparso e il lago di sud-ovest si ritirò ad una striscia sottile all'estremo dell’ovest dell'ex mare del sud. La profondità massima del lago d'Aral del nord è di 42 m (138 ft) (in 2008).

Industria della pesca, una volta prosperava della regione è stata praticamente distrutta, portando la disoccupazione e le difficoltà economiche. La regione del Lago d'Aral èd anche fortemente inquinata, con conseguenti gravi problemi di salute pubblica. Il ritiro del mare ha riferito ed anche causato il cambiamento climatico locale, gli estati diventando più caldo e asciutto, e inverni più freddi e più allungati. [5] La distruzione dell'ecosistema del lago d'Aral è stata improvvisa e grave. Partendo dal 1960, le richieste agricole hanno privato questa grande lago salato dell’Asia Centrale che l’acqua sua era sufficiente a sostenersi, e si è ridotto rapidamente. Uzbekistan, Kazakistan, e gli altri stati dell'AsiaCentrale usano questa acqua per crescere cotone ed altre colture di esportazione, di fronte alle conseguenze ambientali diffuse, tra cui la perdita della pesca, l'acqua e la contaminazione del suolo e livelli pericolosi di sedimenti inquinati presenti nell'aria. Questo e` generalmente accettato che la situazione attuale è insostenibile, ma l'esportazione di dipendenza degli stati dell'Asia Centrale hanno impedito l'azione vera e propria, e il mare continua a ridursi.

Questo non è esagerato dire che il caso del lago d'Aral è una delle più grandi catastrofi ambientali mai registrato. Gli esseri umani hanno fatto uso delle acque del bacino Aral per migliaia di anni, prendendo in prestito dai suoi due grandi fiumi: l'Amu Darya, che sfocia nel lago d'Aral da sud; e il Syr Darya, che raggiunge il mare alla sua estremità del nord. Come ha iniziato il XX secolo, l'agricoltura irrigua nel bacino era ancora in corso a livello asustainable. Dopo l'impero russo è stato sostituito con l'Unione Sovietica, questo ha cominciato a cambiare. Pratiche agricole tradizionali sono stati distrutti da collettivizzazione, e pianificatori sovietici cercarono prodotti che potrebbero essere esportati in valuta forte. Hanno messo alto cotone sulla loro lista, definendolo `oro bianco ', e l'Unione Sovietica è diventata un esportatore netto di cotone nel 1937. Variazione accelerato nel 1950, come agricoltura irrigata dell’Asia Centrale è stata ampliata e meccanizzata. Il canale del Karakum e` stato aperto nel 1956 deviando grandi quantità di acqua dal Amu Darya nel deserto del Turkmenistan, e milioni di ettari di terra è venuto sotto irrigazione dopo il 1960. Un momento cruciale e` stato raggiunto, e dopo 1960 il livello del lago d’Aral ha cominciato a cadere, mentre la deviazione di acqua ha continuato ad aumentare. Mentre il mare aveva ricevuto una cinquantina di chilometri cubi di acqua all'anno nel 1965, ma gli anni 1980 questa era scesa a zero. Come l’Aral e` rifiutato, la sua salinità è aumentata, e nel 1977 l'ex grande pescato era diminuito piu di oltre 75%. Nei primi anni del 1980, il commercio utile di pesci e` stato eliminato, chiudendo un settore che aveva 60.000 impiegati. Il declino di livello del mare e` abbassato la falda freatica della regione distruggendo numerose oasi vicino le sue coste. La devozione per l'agricoltura irrigata ha avuto pure gli altri effetti diretti. Molto terreno ecologicamente sensibili nei delta dei fiumi è stato convertito in terre coltivate, e l'uso di pesticidi era pesante in tutto il bacino d'Aral, con conseguente concentrazioni di agenti contaminanti pesanti in mare.

Su irrigazione ha causato accumulo del sale in molte aree agricole. All'inizio del 1990, la superficie del Aral era ridotto di circa la metà, e il volume in diminuzione di 75%. Una serie di effetti secondari cominciarono ad apparire. Il clima regionale è diventato più continentale, accorciando la stagione di crescita e causando alcuni agricoltori a passare dal cotone al riso, che richiedeva l'acqua deviata ancora più. L'area esposta dell'ex fondale era ormai oltre 28.000 chilometri quadrati, da cui si snoda raccolto una stima di 43 milioni di tonnellate di sedimenti cucita con sali e pesticidi, con conseguenze per la salute devastanti per le regioni circostanti. Queste tempeste di polvere contaminati di Aral sono stati segnalati lontani come l'Artico e il Pakistan. Sono state particolarmente piu diffuse le malattie respiratorie, e ha fiorito tumori della gola. La perdita di vegetazione regionale può aver aumentato l'albedo, e` possibile ridurre le precipitazioni.

Il fiume Amu Darya

Si ritiene che il corso di Amu Darya attraverso il deserto del Kara-Kum è passato attraverso diversi importanti cambiamenti negli ultimi mille anni. Gran parte del tempo, il periodo più recente è nel 13 ° secolo alla fine del 16 ° secolo, l'Amu Darya svuotato sia nel Aral e il Mar Caspio, l’ultimo tramite grande emissario e` stato chiamato il fiume Uzboy. L’Uzboy separa dal canale principale solamente il sud del Delta d’Amu Darya. A volte, il flusso tra i due rami era più o meno uguale, ma spesso la maggior parte del flusso di Amu Darya che diviso ad ovest e scorreva nel Mar Caspio.

La gente ha cominciato a stabilirsi lungo la bassa Amu Darya e il Uzboy nel 5 ° secolo dC. stabilendo una catena fiorente di terreni agricoli, provincie e le città. Il fiume è stato sequestrato circa in 985 dC alla biforcazione delle forcelle dalla massiccia diga di Gurganj che deviato l'acqua all’Aral. La diga è stata distrutta dalle truppe di Gengis Khan nel 1221, e i flussi dell'Amu Darya sono spostati più o meno equamente tra lo stelo principale di Uzboy. Ma nel 18 ° secolo, il fiume di nuovo ha girato verso nord scorrendo nel lago d'Aral, un percorso che ha preso da allora. Sempre meno acqua scorreva lungo il Uzboy finche` nel 1720 il deflusso di questo fiume completamente prosciugato. Il primo esploratore britannico a raggiungere la regione nel periodo di Grande Gioco è stato un ufficiale di marina chiamato John Wood. Lui e` stato mandato in una spedizione per trovare la fonte del fiume nel 1839. Ha trovato moderno Lago Zorkul, lo ha definito il lago Vittoria e proclamò di aver trovato la fonte.

L'Unione Sovietica è diventata la forza dominante nel 20 ° secolo. L'Unione Sovietica è caduta nel 1990 e in Asia Centrale contempla i tanti piccoli paesi che si trovano all'interno o nella parte interna del bacino dell'Amu Darya. Negli anni 1960 e 1970, l'Amu Darya e Syr Darya sono stati utilizzati dai sovietici per irrigare vasti campi di cotone in pianura dell'Asia Centrale. Prima di allora l'acqua dei fiumi è stato già utilizzato per l'agricoltura, ma non su questa scala massiccia. Il Canale Qaraqum, Canale Karshi, e Canale Bukhara sono stati tra i più grandi delle deviazioni di irrigazione costruiti. Il principale canale turkmeno era un progetto proposto che avrebbe deviato l'acqua lungo il letto asciutto del fiume Uzboy in centrale Turkmenistan, ma non fu mai costruito.

La lunghezza totale del fiume è 2.400 chilometri (1.500 mi) e il suo bacino di utenza è di 534,739 chilometri quadrati (206.464 mi mq), fornendo una portata media di circa 97,4 chilometri cubi (23,4 cu mi) di acqua all'anno. Il fiume è navigabile per oltre 1.450 chilometri (900 miglia). Tutta l'acqua proviene dalle alte montagne nel sud, dove le precipitazioni annuali possono essere più di 1.000 mm (39 in). Anche prima che iniziasse l'irrigazione su larga scala ad alta evaporazione estiva ha fatto che non tutto questo scarico ha raggiunto il lago d'Aral, a proposito esiste qualche evidenza che i grandi ghiacciai del Pamir fornito abbastanza acqua di fusione per l'Aral traboccare durante il 13 ° e 14 ° secolo dC.

Una delle fonti di Amu Darya è il fiume Pamir che emerge dal lago di Zorkul (una volta era conosciuto anche come il lago Vittoria) dalle montagne del Pamir (antica Monte Imeon), e scorre verso ovest a Qila-e Panja, dove si unisce con il fiume Wakhan formando il fiume Panj. Un'altra fonte sostenuto del Amu Darya è una grotta di ghiaccio alla fine della valle Wakhjir nel corridoio Wakhan, nelle montagne del Pamir vicino al confine con Pakistan. Il ghiacciaio si trasforma in fiume Wakhan e si unisce al fiume Pamir circa 50 km (31 mi) a valle.

Il fiume Panj segna il confine dell'Afghanistan e del Tagikistan. Scorre all’ovest ad Ishkashim dove si gira a nord e poi ad est e a nord-ovest attraverso il Pamir passando il Ponte dell'Amicizia tagiko-afghano. Si forma in seguito il confine tra l'Afghanistan e Uzbekistan circa per 200 chilometri (120 mi) passando Termez e il Ponte dell'Amicizia Afghanistan-Uzbekistan. Si delinea il confine tra l'Afghanistan e il Turkmenistan per altri 100 chilometri (62 mi) prima che sfocia nel Turkmenistan ad Atamyrat. Come l'Amu Darya scorre attraverso il Turkmenistan dal sud a nord passando Turkmenabat e costituisce il confine del Turkmenistan e Uzbekistan da Khalkabad. Poi si è diviso in molti corsi d'acqua che vengono utilizzati per formare il delta del fiume che unisce al lago d'Aral, passando Urgench, Dashoguz ed altre città, ma non raggiunge quello che è rimasto più il mare e si perde nel deserto.

L'utilizzo di acqua dal Amu Darya per l'irrigazione è stato l’importante fattore che contribuisce al restringimento del lago d'Aral in quanto alla fine del 1950.

Il fiume Syr Darya

Il fiume nasce da due flussi principali nei Tian Shan in Kirghizistan e la parte orientale dell'Uzbekistan – fiume Naryn e Kara Darya e scorre per alcuni 2.212 km (1.374 miglia) ad ovest e nord-ovest dell’Uzbekistan e sud Kazakistan ai resti del Lago d’Aral. Il Syr Darya drena una superficie oltre di 800.000 chilometri quadrati (310.000 sq mi), ma in realtà non più di 200.000 chilometri quadrati (77.000 sq mi) contribuiscono il flusso significativo del fiume. Il suo flusso annuale è molto modesto, 37 chilometri cubi (30.000.000 acri • ft) all'anno, la metà di quella della sua sorella, l’Amu Darya.

Lungo il suo corso il Syr Darya irriga la regione più fertile per coltivazione del cotone di tutta l'Asia Centrale insieme con le città di Kokand, Khujand, Kyzylorda e Turkestan.

Il vasto sistema di molti canali costruiti nel 18 ° secolo soto uzbeko Canato di Kokand, che si estsendono tra le regioni in cui scorre il fiume. Massiccia espansione dei canali di irrigazione durante il periodo sovietico per irrigare i campi di cotone, ha causato danni ecologici per l'area, che il fiume asciuga molto prima di raggiungere il Lago d'Aral, che nel conseguenza si è ridotto a un piccolo residuo di dimensioni precedenti. Attualmente, milioni di persone si sono stabiliti in queste regioni di cotone, non è chiaro come la situazione può essere rettificata.

Il fiume Zarafshan 

Zerafshan è uno dei fiumi dell’Asia Centrale. Il suo nome in persiano e` spruzzatore d'oro, si riferisce alla presenza di sabbie aurifere nel corso superiore del fiume. Per gli antichi greci era conosciuto come il 'Polytimetus'. E 'stato anche precedentemente noto come il fiume Sughd.

Sorge a 39 ° 30'N 70 ° 35'E / 39.5 ° N 70,583 ° E / 39.5; 70,583 ai margini della Pamir in Tagikistan, che scorre verso ovest circa per 300 chilometri (190 miglia) passando Penjikent prima di entrare in Uzbekistan a 39 ° 32'N 67 ° 27'E / 39,533 ° N 67.45 ° E / 39,533 ; 67.45, dove si gira da ovest verso nord-ovest che scorre oltre la leggendaria città di Samarcanda che dipende interamente l'oasi così creato, fino a quando si piega ancora a sinistra a nord, ad ovest di Navoiy e poi a sud-ovest passando Bukhara prima che si perde nel deserto al confine della città di Qorakul (Karakul), non raggiungendo al Amu Darya, di cui era in precedenza un affluente.

Il Fiume Chirchik

Il Chirchiq o Chirchik è un fiume di Uzbekistan. Si tratta di 155 km di lunghezza e ha una superficie di 14,9 mila km ².

Il fiume è formato alla confluenza dei fiumi Chatkal e Pskem. Si svolge nel tratto superiore di circa 30 km attraverso il canyon. E poi la valle si allarga e infine si unisce al Syr Darya.

Lago Aydarkul

Fino alla metà del secolo scorso la pianura Arnasay e` rimasta come una padella asciutta salata durante la maggior parte dell'anno. Solo in primavera in pianura, sarebbe il piccolo brevemente effimero Lago Tuzkan che brilla scomparendo nella stagione calda.

Nei primi anni del sessanta il Syr Darya è stato arginato in su. Contemporaneamente è stata costruita la diga d'irrigazione di Chardarya. Cateratte sono state fornite nella diga per il controllo delle inondazioni, e quando nel 1969 si è verificato un diluvio imperversa, questi sono stati aperti come la capacità della diga era inadeguata a far fronte al flusso. Tra il febbraio 1969 e il febbraio 1970 quasi il 60% della media d'acqua annuale del Syr Darya (21 km³) è stata scaricata dalla diga di Chardarya alla pianura di Arnasay. In tal modo sono stati involontariamente creati i laghi nuovi. Dal 1969 il lago di Aydar regolarmente ha ricevuto le acque del fiume Syr Darya quando traboccano la capacità del serbatoio di Chardarya. Questo ha riempito gradualmente la cavità naturale di pianura Arnasay per creare il secondo più grande lago della regione (dopo i resti del Lago d'Aral).

Nel 2005 il lago Aydar conteneva 44,3 chilometri cubi di acqua. Oggi la zona del lago Aydar ammonta 3.000 chilometri quadrati (1.200 sq mi). Si tratta circa di 250 chilometri (160 miglia) di lunghezza e fino a 15 km (9 mi) di larghezza. La mineralizzazione nelle medie dell'acqua di Aydar solo 2 grammi per litro (2.000 ppm).

Molti tipi di pesci tra cui il sazan (Cyprinus Caprio), lucioperca (Stizostedion lucioperca), Bream (Abramis brama), pesce gatto (Silurus glanis), hzereh (Aspius aspius), chehon (pelecus cultratus) pesce ophidiano (Channa Argus) sono stati introdotti al lago che funziona oggi come fonte di pesca industriale. Il sistema di lago offre tra 760 e 2.000 tonnellate di pesce all'anno (secondo i dati statistici tra il 1994 e il 2001).

Oltre alla fauna comune nel Kyzyl Kum, ci sono molti tipi di uccelli acquatici migratori dal lago d'Aral che rendono le loro case intorno al lago.

Il lago Aydar si trova lontano dalla località abitata, quindi c’è il silenzio perfetto intorno al lago. Al momento 345 famiglie (circa. 1.760 persone) risiedono vicino al lago.

La regione del lago di Aydar è un'area di grande potenziale attività turistiche per la pesca, campeggio turistico e cavalcare su cammello.


ENGLISH FRANCAIS ITALIANO РУССКИЙ DEUTSCH

Uzbekistan Hotels

Central Asia Tours

Hotel in Asia centrale

Useful Links
The Governmental portal of the Republic of Uzbekistan
Ministry of Foreign Affairs
National Company "Uzbekistan Airways"
National company "Uzbektourizm"
APTA - Association of Private Tourism Agencies